ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIATO A SOSTEGNO DEI MALATI DI MORBO DI PARKINSON

 

I problemi non motori crampi

Home
Notiziario
Per contattarci
Il 5 per mille dell'IRPEF
Attualità
Attività sociale
Parma
Verona
Perugia
Padova
Sportello Parkinson
Sportello parkinsonismi
Centri di cura
Malattia di Parkinson
Sintomi
I problemi non motori
La terapia
Principi attivi e farmaci
Neurochirurgia
Verona: Chirurgia
I Manuali e gli Ausili
Riabilitazione
Diete personalizzate
Proteggere l'autonomia
Sostegno psicologico
Genetica e Staminali
Parkinsonismi atipici
Parola agli specialisti
Ci scrivono...
Convegni
I link


Dalle altre pagine:
I problemi non motori

Crampi al piede



I CRAMPI AL PIEDE NELLA MALATTIA DI PARKINSON

Il dolore muscolare e i crampi ai piedi sono disturbi che comunemente accadono dopo dei traumi (strappi, distorsioni, slogature), eccessivo esercizio fisico oppure in associazione all’artrite o alla cattiva circolazione nelle gambe. 
Nella malattia del Parkinson, i crampi ai piedi sono un disturbo molto comune, la cui causa è a livello del sistema nervoso centrale
piuttosto che periferico.
Il crampo al piede, interessando una singola regione corporea, è una severa distonia focale. La distonia è un disturbo neurologico caratterizzato da una sostenuta, cioè protratta nel tempo, contrazione della muscolatura e spasmi che portano a movimenti e posture anormali e sembra che sia causata da anomalie neurochimiche dei gangli della basale, la parte cerebrale coinvolta nella malattia di Parkinson.
I pazienti parkinsoniani hanno un particolare tipo di crampo al piede, caratterizzato dall’estensione delle dita dei piedi (con l'alluce in su) oppure dalla  torsione (rotazione verso l’interno) del piede.
I crampi possono manifestarsi durante il giorno oppure di notte e, se disturbano il sonno, sono particolarmente fastidiosi. Anche al mattino, al risveglio, possono comparire fenomeni distonici che interessano di preferenza il piede e sono spesso accompagnati da dolore.
Il crampo al piede si presenta abitualmente sul lato dove sono più evidenti i segni parkinsoniani.
Spesso la distonia non è individuata come causa dei crampi muscolari.
Si può anche verificare che pazienti con distonie siano del tutto ignari di essere affetti da parkinsonismo; i crampi muscolari, effettivamente, possono precedere anche di  anni l'inizio dei sintomi parkinsoniani.
Non ci sono test di laboratorio che possono distinguere la distonia da altre cause che provocano i crampi muscolari, sebbene un esame neurologico e test specifici potrebbero indicare con esattezza la loro causa.
Qualche forma distonica - quale il blefarospasmo (chiusura involontaria delle palpebre) oppure il torcicollo (rotazione involontaria del collo) - sono disturbi comuni che si presentano nella popolazione in generale.
Nella malattia di Parkinson, con la somministrazione di levodopa/carbidopa (Sinemet®) oppure levodopa/benserazide (Madopar®), le distonia focali possono essere causate dall’assumere troppa o troppo poca levodopa.
La distonia si può manifestare anche durante i periodi di beneficio clinico, quando il livello ematico della levodopa ha raggiunto il suo picco farmacologico oppure si tratta di distonie che tendono a comparire in coincidenza con la fine del ciclo di risposta alla levodopa, quando gli effetti del farmaco diminuiscono (wear off).
Terapia
Per contrastare i crampi al piede, può risultare utile apportare delle variazioni al dosaggio della levodopa o all’orario di assunzione oppure assumere levodopa a lento rilascio (Sinemet CR®, Madopar CR®). Può dimostrarsi efficace anche la somministrazione di selegilina, un inibitore delle monoamino-ossidasi B (MAO-B), che accresce l’effetto sintomatico della levodopa.
Una dose serale di levodopa a lento rilascio, di pergolide (Nopar®), o di bromocriptina (Parlodel®) può prevenire al risveglio la distonia del piede del mattino.
Alcuni pazienti rispondono in maniera positiva agli anticolinergici come il triesifenidile (Artane®), agli antiepilettici come il ciclobenzaprine (Flexeril®) e il baclofene (Lioresal®), all’anticonvulsivante clonazepam (Rivotril®).
Tra i farmaci ad azione locale la tossina botulinica (Botox®) rappresenta un trattamento efficace.
La tossina botulinica, iniettata nel muscolo appropriato, riduce l'intensità degli spasmi e i suoi effetti benefici possono durare alcuni mesi dopo l'iniezione.
In generale il controllo maggiore del fenomeno distonico si ottiene con le prime inoculazioni di tossina botulinica, in seguito, benché ripetute inoculazioni continuino a produrre un miglioramento dei sintomi, tuttavia l'effetto della singola infiltrazione è ridotto.
La tossina botulinica è inoltre utilizzata per contrastare il tremore parkinsoniano, il tremore essenziale benigno e diversi tipi di distonie non sempre connessi con la malattia di Parkinson. Tra questi sono inclusi: la distonia cervicale (torcicollo), il blefarospasmo, la distonia oro-mandibolare, il crampo dello scrivano, la distonia laringea (spasmi delle corde vocali), la balbuzie, lo strabismo, gli spasmi ai larghi muscoli (come i muscoli pettorali) dovuti ad ictus, traumi cranici e sclerosi multipla.  Un’attenta valutazione da parte dello specialista del tempo che intercorre tra la comparsa del crampo del piede e l’assunzione della levodopa può essere di aiuto per individuare la terapia più adeguata a contrastare questo sintomo doloroso della malattia di Parkinson.

Apportando delle modifiche alle modalità di assunzione della levodopa oppure associando altri farmaci antiparkinson si può regolare la trasmissione dei segnali del cervello che innescano la contrazione muscolare oppure lo stesso muscolo può essere “paralizzato” con la tossina botulinica.

APDA

subbul1a.gif (1043 byte)

Proprietà della UP Unione Parkinsoniani - Sede di Parma
Spedite un messaggio di posta elettronica ad
info@parkinsonitalia.it contenente richieste od informazioni

subbul1a.gif (1043 byte)